Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il gruppo Ammann, fabbricante di macchine edili, delocalizzerà parte della produzione da Langenthal (BE) verso vari siti europei. Il provvedimento provocherà la soppressione di circa 130 impieghi su 420 nello stabilimento bernese entro metà 2018.

Il crollo della domanda nel Vecchio Continente e il franco forte hanno reso la situazione difficile e portato a questa decisione, sottolinea un comunicato odierno della società. A Langenthal vengono confezionati componenti per impianti di rivestimento e betoniere: un'attività attualmente deficitaria che verrà dunque parzialmente spostata all'estero.

L'impresa, in passato diretta dal consigliere federale Johann Schneider-Ammann, non intravede infatti margini di miglioramento senza apportare modifiche. La direzione ha optato per la strada della delocalizzazione nonostante gli sforzi e gli investimenti intrapresi durante gli ultimi quattro anni nella fabbrica dell'Oberaargau, quantificabili in 14 milioni di franchi.

Una consultazione verrà avviata con i comitati del personale e i partner sociali, indica la nota del gruppo Ammann.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS