Navigation

Analisi Vox: abitazioni secondarie, piaciuta a destra e a sinistra

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 maggio 2012 - 11:45
(Keystone-ATS)

L'iniziativa popolare "Basta con la costruzione sfrenata di abitazioni secondarie!", accolta da popolo e cantoni lo scorso 11 marzo, non è piaciuta solo alla sinistra, indica l'analisi Vox del voto pubblicata oggi. Il testo di Franz Weber è stato sostenuto dai tre quarti degli elettori socialisti, ma anche dalla metà di quelli dell'UDC.

L'iniziativa non è invece stata gradita dai sostenitori di PPD e PLR, che l'hanno accolta rispettivamente nella misura del 28% e del 33%. Fra i simpatizzanti del PS il "sì" ha raggiunto il 74%, mentre fra i democentristi il 48%.

La consultazione ha avuto una forte valenza regionale. Nelle zone turistiche delle Alpi l'iniziativa è stata bocciata più nettamente che sull'Altipiano, indica lo studio. Il testo ha comunque goduto di un "sostegno considerevole" anche nei cantoni alpini. La conservazione e la protezione del paesaggio delle regioni alpine è stata citata dal 59% dei votanti come motivo di accettazione dell'iniziativa.

L'iniziativa sul risparmio per l'alloggio, respinta dal 55,8% dei votanti, ha fallito perché considerata utile solamente a un piccolo numero di cittadini che, probabilmente, non avrebbero comunque bisogno dei vantaggi proposti dal testo.

La proposta di introdurre sei settimane di vacanza per tutti, largamente bocciata dalla popolazione (66,5%), ha provocato una classica divisione destra-sinistra. Il fronte dei "sì" appartiene soprattutto alla sinistra più radicale (71%), e in minor parte alla sinistra moderata (54%). I sostenitori calano poi al 22% nel centro e al 20% nella destra.

Anche la regolamentazione del prezzo dei libri, respinta dal 56,1% dei cittadini, ha messo in evidenza il contrasto ideologico. I simpatizzanti di PLR (71%), PPD (65%) e UDC (64%) hanno nettamente rifiutato l'oggetto, mentre quelli di PS (61%) e Verdi (80%) l'hanno largamente approvato.

Il tema dei giochi in denaro a favore dell'utilità pubblica, approvato dall'87% dei votanti, ha invece presentato un basso livello di conflitto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?