Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Quando non sono gradite...

Keystone/MARTIN RUETSCHI

(sda-ats)

Anche un mazzo di cinquanta rose rosse, se non è gradito, può rientrare nel quadro di una vicenda di stalking. Un uomo di settant'anni è stato condannatodal tribunale di Torino a dodici mesi di reclusione, con la condizionale.

Ha rivolto all'ex compagna una quantità di premure, regali e gentilezze non richieste. "Sono ancora perdutamente innamorato di lei", ha spiegato al giudice nel corso del processo dopo aver preso la parola.

Gli episodi passati al vaglio del processo sono numerosi: oltre a recapitarle delle rose (che la donna, non apprezzandole, distribuì ai passanti), l'imputato, fra l'altro, le portò l'automobile dal meccanico, a sua insaputa, per una riparazione.

L'avvocato difensore ha sottolineato che non si può parlare di una persecuzione scandita da angherie o violenze. "Il mio assistito - ha detto - voleva soltanto manifestare il suo interesse per lei. E soprattutto non pensava di compiere atti di una portata tale da determinare uno stato d'ansia. La paura, poi, era fuori discussione. Qui si parla di amore. Un amore che è stato condannato".

La relazione fra i due, cominciata nel 1992, si era interrotta dopo vent'anni. Solo una volta, a quanto si è detto, l'imputato fece in modo di incrociare la donna - in quel momento con un amico - in un locale pubblico: si fece vedere, ma non si avvicinò.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS