Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Hacking Team, società italiana che vende software-spia a governi di tutto il mondo, ha ammesso oggi di essere stata vittima di un attacco informatico che l'ha messa "fuori controllo". Anche la polizia cantonale di Zurigo figura fra gli acquirenti.

Fra i documenti sottratti agli specialisti di spionaggio informatico figura infatti una fattura di 485'500 euro pagati alla fine del 2014 dalla polizia cantonale per un software, il "Remote Control System Galileo", che permette di intercettare i contenuti di smartphone e computer, scavalcandone i sistemi di crittografia.

L'acquisto di Galileo "è stato ordinato dal Ministero pubblico" in relazione a due procedimenti riguardanti due "gravi casi di traffico di stupefacenti e di riciclaggio di denaro", ha detto Lantjes Meili, comandante della polizia criminale di Zurigo, in un articolo pubblicato ieri dal "Tages-Anzeiger".

In seguito all'attacco del 6 luglio, il software non può più essere utilizzato, ha fatto sapere oggi la polizia cantonale zurighese. Quest'ultima ha precisato di avere adito le vie legali, sia in sede civile che penale, per cercare di ottenere un risarcimento del danno subito.

La commessa è stata approvata dal capo del Dipartimento cantonale della sicurezza Mario Fehr (PS), che visto che la fattura era inferiore al milione di franchi non ha dovuto chiedere il parere dei colleghi di governo. In una nota, il consigliere di Stato socialista giustifica l'acquisto con la necessità di mettere a disposizione delle autorità inquirenti strumenti paragonabili a quelli di cui dispongono i responsabili di gravi reati.

Il servizio d'informazione della polizia cantonale sottolinea da parte sua in una nota che l'impiego di strumenti di sorveglianza, compresi quelli di natura informatica, sono regolati dal codice di procedura penale.

Sulla legalità dell'impiego del "trojan di Stato" le opinioni però divergono. L'avvocato e granconsigliere della Lista Alternativa, Markus Bischoff, considera l'acquisto "sfrontato". A livello federale - afferma il deputato - mancano ancora le basi legali per il ricorso a simili strumenti.

La nuova legge sulla sorveglianza della telefonia e delle telecomunicazioni sarà esaminata in settembre dalle Camere federali. Secondo il consigliere nazionale Balthasar Glättli (Verdi/ZH), un referendum appare "certo quasi al 100%".

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS