Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Non bisogna dimenticare che nonostante tutta l'attenzione rivolta in questo momento alla situazione dei rifugiati in Europa, la pressione maggiore è ancora quella sentita in Medio Oriente e Nord Africa". Lo ha detto oggi Angelina Jolie, visitando campi in Libano.

Nel solo Libano, ha ricordato l'attrice americana inviata speciale dell'Alto commissariato dell'Onu per i rifugiati (Unhcr), ci sono oltre un milione di rifugiati - un quarto rispetto alla popolazione del Paese ospitante - mentre in tutta la regione i profughi sono 4,8 milioni. E a questi si aggiungono 6,5 milioni di sfollati all'interno della Siria. La Jolie ha visitato in particolare alcuni campi profughi nella Valle della Bekaa, tra cui quello di Saadnayel, dove ha tenuto una conferenza stampa sotto una pioggia battente.

Tra le tende in cui è entrata, quella di Kholoud, una donna di 38 anni rimasta paralizzata dal proiettile sparato da un cecchino, che vive qui con il marito e i quattro figli. Angelina Jolie ha sottolineato che nel mondo vi sono oggi 60 milioni di rifugiati.

"Non possiamo lasciare - ha detto - che le paure ostacolino l'attuazione di una risposta efficace che è nei nostri interessi a lungo termine. Il mio appello oggi è che i governi in tutto il mondo dimostrino leadership: per analizzare la situazione e capire esattamente quello che il loro Paese può fare, quanti rifugiati possono assistere e come".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS