Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'offensiva di Ankara nel nord della Siria continuerà fino al ritiro dei curdi.

KEYSTONE/EPA/SEDAT SUNA

(sda-ats)

La Turchia "ha diritto di rimanere" con il suo esercito nel nord della Siria finché la zona di Jarablus, evacuata ieri sera dall'Isis, non sarà totalmente sotto il controllo dei ribelli dell'Esercito siriano libero (Esl).

Lo ha detto a Ntv il ministro della Difesa di Ankara, Fikri Isik, aggiungendo che la presenza militare turca proseguirà anche fino al completo ritiro a est del fiume Eufrate delle forze curde. Secondo Isik, l'abbandono dei curdi è iniziato e, in base a un accordo con gli Usa, dovrebbe completarsi "entro 2 settimane".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS