Navigation

Antibiotici: calano vendite in ambito veterinario

La quantità totale di antibiotici venduti per il trattamento di animali in Svizzera continua a diminuire. KEYSTONE/ENNIO LEANZA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 02 luglio 2019 - 11:02
(Keystone-ATS)

La quantità totale di antibiotici venduti per il trattamento di animali in Svizzera continua a diminuire. Tuttavia, la riduzione si delinea in maniera meno netta rispetto agli anni precedenti.

Se da un lato nel 2018 è scesa notevolmente la vendita di antibiotici critici per la medicina umana, è stato registrato un aumento di quella di altre classi, come le penicilline e le tetracicline, si legge in un comunicato odierno dell'Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV), che presenta i risultati del rapporto annuale sul tema.

La flessione delle vendite è comunque continua: nel 2009 sono stati venduti 66'000 chilogrammi di antibiotici, mentre l'anno scorso si è scesi a 32'000. Si tratta di un calo di oltre il 50% in dieci anni. Rispetto al 2017 la contrazione è dell'1,3%.

La costante diminuzione delle vendite di antibiotici riflette l'elevato grado di sensibilizzazione dei veterinari e dei detentori di animali. Ciononostante, sottolinea l'USAV, sono necessari ulteriori sforzi per ridurne al minimo l'impiego improprio.

L'USAV ricorda che a seguito del consumo eccessivo e inadeguato di antibiotici, sempre più batteri diventano resistenti a questi medicamenti. Le conseguenze sono drammatiche e colpiscono in egual misura esseri umani, animali, agricoltura e ambiente. Per questo negli scorsi anni è stata elaborata una strategia della Confederazione per monitorare e affrontare il problema.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo