Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Settanta anni dopo l'Olocausto l'antisemitismo è sempre diffuso nel mondo: un quarto della popolazione globale è convinto che gli stereotipi negativi sugli ebrei siano "probabilmente veri", secondo un maxi-sondaggio sull'intolleranza religiosa condotto in 101 Paesi e nei territori palestinesi dalla Anti Defamation League (Adl).

In base al sondaggio pubblicato oggi buddismo e cristianesimo sono le religioni giudicate con maggior benevolenza nel mondo: il 62% su scala globale giudica con favore i seguaci di Cristo. Il 26% degli interpellati si è detto invece d'accordo con almeno sei di 11 stereotipi negativi nei riguardi degli ebrei. Tra questi che "gli ebrei sono più fedeli a Israele che al loro paese" e che "hanno troppo potere nel business".

Abraham Foxman, il direttore di Adl, si è detto scioccato che l'antisemitismo sia ancora così diffuso. L'unico gruppo religioso con indici sfavorevoli maggiori agli ebrei sono risultati i musulmani. Il 38% degli interpellati ha giudicato favorevolmente gli ebrei e il 21% negativamente, mentre per i seguaci dell'Islam i giudizi favorevoli sono il 47%, a fronte del 24% contrari.

L'antisemitismo è più forte in Medio Oriente e Nord Africa (74%), ma anche in Grecia (69%) e Corea del Sud (53%) mentre il Paese con meno antisemitismo nel mondo è risultato il Laos. Il sondaggio non ha riscontrato una correlazione tra antisemitismo e posizioni anti-Israele. Il 35% degli interpellati ha mostrato di non sapere nulla dell'Olocausto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS