Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Voli cancellati, autostrade chiuse, visibilità di 500 metri al massimo. È allarme 'apocalisse dell'aria' in tutto il nordest della Cina.

L'attivista di Green Peace Dong Liansai ha dichiarato alla Bbc che il livello di inquinamento rilevato nella metropoli di Shenyang è "il più alto che si sia mai registrato" in Cina e nel mondo.

Domenica scorsa il livello di particelle P.M. , ritenute rischiose per la salute, è stato di 1400 microgrammi per metro cubo, cioè 56 volte più alto di quello ritenuto il massimo sopportabile per l'organismo umano dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che è di 25 microgrammi per metro cubo. I livelli sono di poco inferiori in tutto il nordest del Paese. Tra le città avvolte da domenica in una nube grigio-giallastra ci sono la capitale Pechino, la vicina città portuale di Tianjin e numerosi centri delle province del Liaoning, Hebei, Henan ed Heilongjiang.

I media locali riferiscono che gli ospedali si sono riempiti di pazienti con difficoltà respiratorie e che molte farmacie hanno esaurito le scorte di mascherine protettive.

Il nordest della Cina è una zona di fabbriche, in gran parte alimentate a carbone, e di miniere. Alla fine della settimana scorsa sono stati accesi gli impianti di riscaldamento che hanno aggravato una situazione già pesante. "Molte città in tutta la Cina e in particolare nelle province del nordest usano il carbone come fonte di energia per il riscaldamento e questo spinge verso l'alto i livelli di inquinamento dell'aria", ha affermato Zhang Bin, un funzionario dell'ufficio per la protezione dell'ambiente di Changhun, una delle metropoli del nordest.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS