Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La formazione degli apprendisti figurerà fra i criteri di selezione per attribuire gli appalti pubblici. Con 95 voti contro 87 e 2 astenuti, il Consiglio nazionale ha appianato oggi anche l'ultima divergenza con gli Stati, allineandosi alla proposta di limitare il nuovo criterio agli appalti che non sono sottoposti ad obblighi internazionali. Il dossier è così pronto per le votazioni finali.

Lo scopo della revisione legislativa, avviata nel 2003 da un'iniziativa parlamentare del consigliere nazionale Ruedi Lustenberger (PPD/LU), è di lottare contro la mancanza di posti di apprendistato, anche se il problema si è nel frattempo ridotto. Si tratta di rafforzare il sistema della formazione duale in vigore in Svizzera, ha sottolineato Lucrezia Meier-Schatz (PPD/SG) a nome della commissione.

Una minoranza (formata sia da esponenti UDC che PS) si è invano opposta al fatto che il testo originale sia stato ammorbidito in modo inaccettabile, con l'introduzione del distinguo degli accordi internazionali. Tuttavia, come ha sottolineato la consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf, se la revisione della legge non contemplasse questa eccezione, si corre il rischio che le imprese svizzere, che dipendono fortemente dai mercati internazionali, vengano discriminate.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS