Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Per molti è l'11 settembre saudita: almeno 87 morti e più di 180 feriti è il bilancio del crollo di un'enorme gru sulla Grande Moschea di Mecca, in Arabia Saudita, la città santa dell'Islam che si appresta a ospitare milioni di pellegrini da tutto il mondo per l'Hajj.

Nel giorno in cui si commemora il 14/mo anniversario dell'attacco alle Torri Gemelle e al Pentagono, compiuto da diversi attentatori sauditi, una delle gru poste all'esterno della più importante moschea dello Haram Sharif (il recinto sacro) di Mecca si è abbattuta, a causa di una forte tempesta che imperversava nella zona, sul tetto e su una parte del muro perimetrale della sala di preghiera. Con un bilancio che è salito a 87 vittime e almeno 180 feriti.

Le TV di Riad mostrano immagini scioccanti: corpi a terra immersi in pozze di sangue, scene di terrore tra i feriti e i soccorritori. Al Arabiya ha diffuso anche immagini girate con un cellulare da alcuni operai presenti fuori la moschea poco prima del crollo e nel quale si assiste alla violenza della tempesta di pioggia.

Su alcuni commenti su account di cittadini sauditi su social network figura ripetuta più volte l'espressione "è l'11 settembre saudita", in riferimento alla concomitanza con l'anniversario della tragedia consumatasi nel 2001 negli Usa.

Il governo di Riad ha subito ordinato l'apertura di un'inchiesta per accertare le responsabilità. La protezione civile ha messo le mani avanti affermando, tramite il suo portavoce il colonnello Said Ben Sarhan, che era stata diffusa nei giorni scorsi un allerta meteo in previsione della perturbazione atmosferica.

I pellegrini presenti nella moschea erano impegnati nella 'Umra', rito anche noto come il piccolo pellegrinaggio: non un dovere per i musulmani, bensì un atto pio che si può compiere tutto l'anno e che è stato celebrato anche in preparazione per la festa del Sacrificio (Id al Adha), prevista per il prossimo 23 settembre.

La più importante festività del calendario islamico si celebra quando lo 'Hajj' (pellegrinaggio) è già iniziato. Ogni anno tra Mecca e Medina, le due città sante dell'Islam, giungono per l'occasione milioni di fedeli da tutto il mondo.

Secondo le prime informazioni le gru presenti fuori dalla Grande Moschea erano usate per completare gli ultimi lavori di preparazione per l'accoglienza dei fedeli per il pellegrinaggio e la festa del Sacrificio.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS