Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ali al Nimr, il giovane sciita condannato a morte in Arabia Saudita per il quale la comunità internazionale si è mobilitata negli ultimi mesi, non compare nella lista dei 47 giustiziati oggi, tra i quali suo zio, lo Sheikh Nimr al Nimr.

Quest'ultimo è uno dei quattro sciiti della lista. Gli altri 43 sono sunniti. Secondo Amnesty International, Ali al Nimr è stato arrestato nel febbraio del 2012, quando aveva 17 anni, ed è stato condannato a morte per rapina a mano armata e per aver attaccato le forze di sicurezza.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS