Tutte le notizie in breve

Ricercatori dell'univeristà di Neuchâtel hanno scoperto un metodo assai efficace per ripulire da ruggine e incrostazioni i reperti archeologici in ferro che emergono dagli scavi: un batterio invece delle odierne sostanze anticorrosive.

A fare la scoperta - i cui risultati sono pubblicati nella rivista Applied and Environmental Microbiology - sono stati i chimici e i microbiologi dell'ateneo, sotto il coordinamento di Edith Joseph, che hanno trattato con il nuovo metodo una dozzina di chiodi di epoca romana risalenti al terzo secolo dopo Cristo.

Gli oggetti in ferro estratti dal terreno dove sono rimasti sovente per secoli, sono avvolti da una spessa coltre di incrostazioni e di ruggine che li rende perfino irriconoscibili. Per far ritrovare la loro forma originale subiscono una pulitura che li rimette a nudo, ma nel contempo questi reperti si espongono al rischio di ossidazione e bisogna proteggerli.

La ricercatrice Edith Joseph, con l'ausilio della collega Pilar Junier, ordinaria di microbiologia, ha suggerito di ricorrere a un batterio, il "Desulfitobacterium hafniense", che vive in assenza di ossigeno e che "si nutre" proprio di ferro. L'applicazione di questo sistema ricorda il processo di caramellizzazione, ossia i batteri formano una coltre protettrice sul ferro che impedisce alla superficie di ossidarsi.

Meno inquinante del sistema tradizionale - con bagni di soda -, quello batterico risulta anche più rapido. Per oggetti di grandi dimensioni, quali un cannone estratto dal mare, il processo di desalinizzazione può richiedere anni, mentre con il batterio la durata rimane la stessa indipendentemente dalla taglia del reperto archeologico e senza alcuna produzione di scorie tossiche in quanto i microorganismi non vengono gettati via dopo il loro utilizzo.

Questi lavori, segnala l'università neocastellana in una nota odierna, annunciano un futuro promettente per lo sviluppo della ricerca interdisciplinare tra gli istituti di biologia, di chimica e l'archeologia.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve