Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un invito a Bruxelles affinché l'Europa concentri maggiormente i suoi sforzi a livello internazionale in favore dei territori alpini è stato rivolto oggi a Lugano dalla conferenza dei capi di governo della Comunità di lavoro delle Regioni alpine (Arge Alp).

I partecipanti in particolare hanno adottato una risoluzione in questo senso. Lo annuncia la Cancelleria dello Stato del canton Grigioni in una nota.

Nodo centrale della discussione il programma Eusalp - Strategia dell'Unione europea per la Regione alpina - elaborato dalla Commissione europea. I membri dell'Arge Alp hanno preso atto con soddisfazione della strategia, alla quale tuttavia non hanno risparmiato qualche critica.

In particolare le rimproverano di non tenere sufficientemente conto del ruolo rivestito dalle regioni e dai cantoni alpini nel processo di sviluppo di Eusalp e nella sua organizzazione.

La collaborazione tra i diversi livelli statali deve avvenire su base partenariale e deve tenere conto delle rispettive competenze, hanno sottolineato i presenti a Lugano. Alle regioni e ai cantoni alpini devono essere concessi diritti di rappresentanza adeguati all'interno dell'organizzazione.

La conferenza si è tenuta a Lugano in conclusione dell'anno di presidenza di Arge Alp del Canton Ticino: oggi il testimone è stato trasmesso al Land austriaco del Vorarlberg, che ne presiederà i prossimi 12 mesi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS