Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I militari argentini nell'ultimo periodo della dittatura (1976-83) erano convinti di essere vittime di un complotto ebraico internazionale, capeggiato dall'allora segretario di Stato americano, Zbigniew Brzezinski, benché egli fosse di radice cattolica polacca.

È ciò che si evince da alcuni dei documenti declassificati consegnati dal governo di Barack Obama a quello di Mauricio Macri, pubblicati online dall'amministrazione di Washington.

Secondo un rapporto inviato dall'ambasciata statunitense a Tel Aviv al Dipartimento di Stato, Jacobo Timerman - noto giornalista argentino "desaparecido" e torturato nel 1977 - "ha detto che gli interrogatori ai quali è stato sottoposto durante la sua prigionia erano focalizzati sul suo ruolo in quanto leader argentino di una presunta cospirazione sionista mondiale".

In un altro rapporto inviato a Brzezinski, Robert Pastor - allora consigliere per la Sicurezza Nazionale - scriveva che "gran parte dei militari argentini credono che vi sia una cospirazione sionista globale al centro del problema terrorista in Argentina, e che lei sia il capo di questo complotto".

Timerman, infatti, aveva raccontato che i militari argentini "dicono di 'sapere' che lei è ebreo perché hanno studiato le pagine gialle di New York e hanno trovato che molte persone con il cognome Brzezinski hanno nomi ebrei".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS