Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BUENOS AIRES - La polizia ha arrestato a Buenos Aires un giovane di 22 anni, accusandolo di almeno sette omicidi, perpetrati, apparentemente, per mantenere il 'giuramentò fatto a 'San La Muertè, culto pagano molto popolare in Argentina, di ammazzare almeno una persona al giorno. Lo ha reso noto oggi l'agenzia di stampa statale Telam.
Fonti della polizia hanno precisato che l'uomo, senza fissa dimora e in possesso di una pistola calibro 9, avrebbe anche ferito sempre a colpi d'arma da fuoco almeno cinque donne.
Secondo la leggenda, 'San la Muertè è un personaggio venerato 1.500 anni fa dagli indios guaranies che risiedevano soprattutto nel Paraguay e nel nord est dell'Argentina. A partire dagli Anni '60, in seguito a migrazioni interne, il suo culto si è esteso in altre zone del Paese, in particolare nella periferia di Buenos Aires. In genere viene venerato perchè fa del bene. Ma non manca l'aspetto truce per cui c'è chi, pur di ottenere certi benefici, è disposto anche ad uccidere.
Secondo un blog, l'arrestato avrebbe appunto ammazzato, a partire dallo scorso febbraio, varie persone per ottenere in cambio "la prosperità dei suoi familiari".
Telam precisa inoltre che la polizia non scarta che il giovane sia l'autore di altri omicidi avvenuti nel 2009 quasi tutti nello quartiere di Buenos Aires dove abitava.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS