Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un ballottaggio storico a Buenos Aires soprattutto per Mauricio Macri, candidato del centro-destra in Argentina, dove oggi si è votato per scegliere il prossimo inquilino della Casa Rosada: sfida che vede in vantaggio proprio Macri davanti al rivale Daniel Scioli.

Come tante altre volte negli ultimi decenni, la scelta politica chiave è stata quella tra peronismo e 'non peronismo'. Tra dare ancora una chance al peronismo al potere, oppure chiudere il ciclo e aprire le porte al centro-destra e al cambio: anzi, al 'Cambiemos', nome della coalizione guidata da Macri.

Secondo i commenti che circolano via reti sociali e analisti, l'ottimismo è tutto dalla parte di 'Cambiemos', e c'è chi parla di un distacco Macri-Scioli consistente. Il 56/enne sindaco della città di Buenos Aires, a quanto pare, è riuscito a convincere la maggioranza degli elettori, dimostrando così di aver azzeccato la coalizione vincente, creata mesi fa tra il suo partito (Propuesta Republicana, Pro) e due forze centriste (radicali e Coalicion Civica).

Macri, liberale e fautore di programmi marcatamente 'pro-business', ha durante la campagna elettorale attaccato duramente il 'kirchnerismo', il peronismo di sinistra al potere da 12 anni, prima con Nestor Kirchner poi con la consorte, Cristina. Diversa la situazione sull'altro schieramento in corsa, quello del peronista Frente para la Victoria, guidato da Scioli, governatore a sua volta della provincia di Buenos Aires.

Scioli è infatti rimasto intrappolato in una contraddizione di fondo: non ha tagliato del tutto il cordone ombelicale con la presidente uscente, Cristina Fernandez de Kirchner. È stato quindi poco chiaro, proponendosi come l'uomo del rinnovamento peronista ma anche come quello della continuità con la signora Kirchner. Un giorno emblema di un peronismo moderato l'altro invece 'Cristina-dipendente', in sintonia cioè con l'irruenza, nello stile e nelle politiche, della Casa Rosada.

Lo scorso 25 ottobre, nel primo turno, il vincitore politico fu Macri. Quel giorno è risultato evidente che la formidabile macchina elettorale del peronismo si era inceppata, tra l'altro anche a causa del complesso rapporto Scioli-Cristina. La prova del ko al peronismo, e dell'ascesa di 'Cambiemos', si è avuta nel cuore economico del Paese, e cioè nella provincia di Buenos Aires, dove si è imposta Maria Eugenia Vidal, 42/enne stella nascente del 'macrismo': forse, la vera sorpresa di questa storica tornata elettorale in Argentina.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS