Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"I nipoti di Hitler hanno accusato la Turchia di un finto genocidio": il titolo scelto stamani da Sozcu, tra i quotidiani più diffusi in Turchia.

Questo dà il polso della reazione tra i media di Ankara all'approvazione ieri del Parlamento tedesco di una mozione che riconosce come 'genocidio' il massacro degli armeni del 1915.

Il giornale ricorda il genocidio degli ebrei, mostrando la cancelliera tedesca Angela Merkel con le sembianze di Hitler e una svastica sullo sfondo, mentre accusa Berlino di sostenere il Pkk curdo e aggiunge una frase in tedesco: "Vergognatevi".

Un'accusa, quella di stare dalla parte dei curdi, che ritorna anche sulla prima di Star, quotidiano filo-governativo che propone una grande foto in bianco e nero di Merkel il cui nome, scritto sopra le labbra, evoca i baffi di Hitler. Sotto, la scritta: "Tutto per il Pkk".

Usa il tedesco anche Aksam, che titola con un secco "Stupido!", mentre Yeni Safak, vicino al presidente Recep Tayyip Erdogan, minaccia: "La Turchia non lo dimenticherà".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS