Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - La commissione della politica di sicurezza del Consiglio nazionale giudica sufficienti le recenti misure prese per evitare l'impiego abusivo di armi d'ordinanza. Con 18 voti contro 8 ha perciò deciso di respingere l'iniziativa popolare 'per la protezione dalla violenza perpetrata con le armi'.
Molto è stato fatto da quando questo testo è stato presentato, ha dichiarato oggi alla stampa il presidente della commissione Jakob Büchler (PPD/SG). Il deputato ha citato la restituzione alle autorità delle munizioni da guerra, la gratuità del deposito del fucile in arsenale, la necessità di avere un permesso per conservare l'arma dopo gli obblighi militari e le misure prese per individuare il più presto possibile i soldati pericolosi, ha elencato Büchler.
Secondo lui in questo modo si è giunti ad un "buon compromesso" che ha permesso di colmare lacune nel campo della sicurezza. Spingersi oltre significherebbe disarmare i cittadini e deresponsabilizzare i soldati, ha commentato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS