Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Simbolo di Teheran, e sintesi tra modernità, architettura islamica e stile sassanide, la torre Azadi è illuminata in questi giorni da colori, parole e immagini che compongono un'installazione dell'artista tedesco Philipp Geist.

Intitolata "Gate of Words" ("Porta di parole"), la composizione coincide coincide con precisione con la struttura della torre, ed i suoi effetti si riflettono su tutta la grande piazza Azadi ("Libertà") che la circonda.

Le parole proiettate sulle torre parlano di libertà, pace e tempo, inducendo a libere associazioni gli osservatori. I quali possono anche passare al di sotto della torre, realizzando a loro volta il simbolismo dell'incontro tra vecchio e nuovo che il quarantenne Geist vede nella sua creazione.

L'opera è stata inaugurata ieri sera dall'ambasciatore tedesco Michael Freiherr von Ungern-Sternberg e dal presidente della Fondazione Rudaki, Barham Jamali. Il "Light Concert" di Geist è stato accompagnato dalle musiche elettroniche di Annika Henderson. L'evento, che si chiude domani, avviene in coincidenza con la Festa nazionale tedesca.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS