Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEW YORK - Louise Bourgeois, l'artista franco-americana che con le sue sculture astratte aveva acquistato celebrità negli ultimi anni di vita, è morta oggi al Beth Israel Medical Center di Manhattan. Aveva 98 anni. Lo ha annunciato Wendy Williams, direttrice del Louise Bourgeois Studio.
La Bourgeois si era formata come scultrice alla Ecole des Beaux-Arts di Parigi, per approdare a New York nel 1938. Nel 1951 aveva acuisito la cittadinanza americana e preso parte a varie correnti artistiche, prima sotto l'influenza del surrealismo degli emigrati dall'Europa. Si era dedicata, a partire dagli anni Sessanta, alla lavorazione del metallo.
Nel 1993 aveva partecipato alla Biennale di Venezia.
Negli ultimi anni la Bourgeois si era occupata in maniera approfondita di temi come la sessualità, la famiglia e la solitudine, celebrando il concetto di maternità con enormi sculture-filigrane a forma di ragno: opere spesso ripetute per essere poi installate in diverse città, dell'altezza di una decina di metri.
La Tate Modern di Londra le aveva dedicato un'ampia retrospettiva nel 2007 in occasione del novantacinquesimo compleanno. La mostra era poi passata in altri musei tra cui il Centre Pompidou.

SDA-ATS