Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Asia Bibi: retata contro islamisti leader della protesta

Manifestazione di islamisti per la condanna a morte

KEYSTONE/EPA/SHAHZAIB AKBER

(sda-ats)

Le forze di sicurezza pachistane hanno compiuto questa sera una vasta operazione in tutto il Paese che ha portato all'arresto di dirigenti e attivisti del partito islamista Tehreek Labbaik Pakistan (Tlp).

La formazione era in prima fila nelle proteste contro l'assoluzione di Asia Bibi, la donna cristiana già accusata di blasfemia.

Tra gli arrestati vi è anche Khadim Hussain Rizvi, leader del movimento, che chiede alle autorità di impedire alla donna di lasciare il Paese, nonostante sia stata assolta dalla Corte suprema il 31 ottobre scorso.

La maggior parte degli arresti sono avvenuti nella provincia del Punjab e nella capitale federale Islamabad. "Circa 35 persone sono state prelevate ad Islamabad e una sessantina a Rawalpindi", hanno precisato fonti della polizia parlando con l'ANSA.

Un altro leader del Tlp, Pir Muhammad Afzal Qadri, ha rivolto un appello ai suoi seguaci perché escano di casa e blocchino le strade in segno di protesta. "Questi infedeli - ha affermato in un video postato online - stanno cercando di sopprimere il Tlp e mandare all'estero Asia Bibi, ma non glielo permetteremo". Per il momento il governo non ha fatto commenti sugli eventi.

Asia Bibi è stata assolta dopo otto anni di carcere, ma gli estremisti islamici che la vorrebbero vedere impiccata hanno presentato un ricorso chiedendo alla Corte Suprema di rivedere il verdetto. L'avvocato della donna, Saif ul-Malook, ha detto alla Cnn che una domanda di asilo è stata presentata in Olanda per la donna, suo marito e due sue figlie.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.