Navigation

Asili nido: petizione esige 5 miliardi l'anno dalla Confederazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 febbraio 2010 - 10:41
(Keystone-ATS)

BERNA - La Confederazione dovrebbe destinare 5 miliardi di franchi l'anno per gli asili nido e le altre strutture di custodia extra-famigliare dei bambini. Lo chiede una petizione del Sindacato svizzero dei servizi pubblici (SSP/VPOD) e dell'Associazione svizzera strutture d'accoglienza per l'infanzia (ASSAI), consegnata oggi a Berna alla Cancelleria federale.
Lanciata lo scorso 31 agosto, la petizione ha raccolto 10'000 firme, essenzialmente negli asili nido, hanno indicato in una nota i promotori.
I 5 miliardi di franchi corrispondono all'1% del prodotto interno lordo (PIL), sottolineano SSP/VPOD e ASSAI, ricordando che si tratta dell'obbiettivo prefissato sia dall'Unione europea che dall'Organizzazione per la cooperazione che lo sviluppo economico (OCSE) e dall'UNICEF.
I promotori della petizione giudicano "inaccettabile" la decisione del Consiglio federale di ridurre da 140 a 80 milioni di franchi il credito riservato al programma di sostegno agli asili nido.
Per SSP/VPOD e ASSAI, in futuro il numero di bambini custodito da terzi è destinato ad aumentare. Ritengono quindi necessario consacrare più mezzi al miglioramento della qualità di questa accoglienza.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.