Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La crisi migratoria che ha colpito il Medio Oriente e l'Europa si fa sentire anche in Svizzera, dove continua a crescere il numero di richiedenti asilo.

In settembre sono state presentate 4544 domande, 645 in più rispetto al mese precedente, indica una nota odierna della Segreteria di Stato della migrazione (SEM).

Cala per contro il numero di richiedenti provenienti dall'Eritrea (-14% rispetto al mese di agosto) attestandosi a quota 1387, precisa la SEM. Più in generale, nei primi nove mesi dell'anno si sono avute 24'212 domande, il 34% in più rispetto al medesimo periodo dell'anno precedente.

I principali Paesi di provenienza durante il terzo trimestre 2015 sono stati l'Eritrea (5127 domande), la Siria (1556) e l'Afghanistan (1373). Da notare inoltre come nel periodo in esame si siano osservati aumenti di oltre 100 domande per Stati quali l'Iraq - 595 domande (+488) -, l'Albania - 241 (+152) - e il Sudan - 177 (+122).

La SEM rileva infine che durante il terzo trimestre dell'anno la maggior parte dei richiedenti asilo registrati in Svizzera sono giunti attraverso il Mediterraneo centrale. Questa tendenza si è tuttavia modificata verso la fine del periodo: in settembre la maggioranza ha percorso la via balcanica.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS