Navigation

Asilo: Anni Lanz ricorre al Tribunale federale

L'attivista Anni Lanz KEYSTONE/VALENTIN FLAURAUD sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 settembre 2019 - 10:02
(Keystone-ATS)

Anni Lanz ricorre al Tribunale federale: l'ex segretaria generale dell'associazione "Solidarité sans frontières", condannata a 800 franchi di multa per violazione della legge sugli stranieri, ha deciso di impugnare la sentenza presso la massima autorità giudiziaria.

Nel febbraio del 2018 la donna, 73 anni, aveva cercato di far entrare in territorio elvetico un richiedente asilo afghano, in precedenza espulso dalla Svizzera verso l'Italia. I due erano stati fermati dalle guardie di frontiera a Gondo (VS).

Il ricorso al Tribunale federale è stato inoltrato ai primi di settembre, ha fatto sapere un portavoce di Amnesty International Svizzera, che sostiene l'attivista basilese nella sua azione affermando che la solidarietà non va criminalizzata.

Anni Lanz vuole creare un precedente giuridico nell'intento di ottenere una modifica dell'articolo 116 della legge federale sugli stranieri. L'articolo in questione permette di condannare una persona che fornisce assistenza a un richiedente asilo anche se le sue motivazioni sono onorevoli.

In caso di decisione negativa, Anni Lanz potrebbe portare il caso dinanzi alla Corte dei diritti dell'uomo di Strasburgo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.