Navigation

Asilo: domande in calo anche nel 2019, a minimi da 13 anni

Il centro federale per richiedenti l'asilo di Zurigo. KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 31 gennaio 2020 - 11:52
(Keystone-ATS)

Le domande d'asilo in Svizzera sono calate anche nel 2019: sono state 14'269, il 6,5% in meno dell'anno precedente. È quanto si legge nella statistica pubblicata oggi dalla Segreteria di Stato per la migrazione (SEM).

Si tratta del livello più basso degli ultimi tredici anni. Per il 2020 si prevedono circa 15'000 nuove richieste.

In una nota, la SEM precisa che la diminuzione è da ricondurre soprattutto al fatto che un numero molto inferiore di rifugiati arriva in Italia attraverso il Mediterraneo: la rotta, di ripiego, ora passa per il Marocco e la Spagna. Questi richiedenti asilo non arrivano quindi nella Confederazione. A ciò contribuisce anche il mantenimento dell'accordo tra Unione europea e Turchia.

La quota di riconoscimento delle domande in prima istanza è risultata del 31,2% (+5,3 punti percentuali rispetto all'anno precedente). In realtà la Svizzera riconosce il bisogno di protezione a molte più persone: infatti se alle concessioni dell'asilo si aggiungono le cosiddette "ammissioni provvisorie" - uno statuto che impedisce il rinvio dei richiedenti nei paesi di provenienza per garantirne l'integrità - il 59,3% dei postulanti (60,8% nel 2018) ha ottenuto il diritto di rimanere nella Confederazione.

Il maggior numero di domande è stato inoltrato da eritrei (2899 contro le 2825 del 2018): solo 301 concernevano tuttavia rifugiati giunti in Svizzera, gli altri casi erano rappresentati soprattutto da nascite (1434) e ricongiungimenti familiari (1053).

In termini di domande, l'Eritrea è seguita dall'Afghanistan (1397, +18% rispetto all'anno precedente), dalla Turchia (1287, +28%) e dalla Siria (1100 richieste, -21%). Le regioni in guerra sono quindi ancora una volta il principale bacino di provenienza dei richiedenti.

La SEM prevede che il numero di richiedenti l'asilo nel 2020 rimanga più o meno invariato rispetto al 2019, con circa 15'000 nuove domande. "Alla luce dei numerosi focolai di crisi e di conflitti in Medio Oriente e in Africa, il potenziale migratorio resta elevato; non si può pertanto escludere un nuovo aumento delle domande d'asilo nel 2020", si precisa nella nota.

Con 1,7 domande d'asilo ogni 1000 abitanti (1,9 nel 2018), la Svizzera si situa sopra la media europea di 1,4 su 1000. Proporzionalmente alla popolazione residente, i richiedenti l'asilo sono più numerosi a Cipro (15,5 ogni 1000 abitanti), Malta (7,5), in Grecia (7,0), Lussemburgo (3,5), Spagna (2,5) e Belgio (2,4).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.