Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Più di 2500 siriani sono stati finora accolti in Svizzera grazie alla semplificazione della politica dei visti, oltre ai 500 che il Consiglio federale aveva deciso di accogliere lo scorso settembre. È quanto ha indicato all'ats il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) in una presa di posizione scritta, rispondendo indirettamente alla lettera aperta pubblicata ieri da Caritas, in cui l'organizzazione umanitaria chiedeva a Berna di portare il contingente a 5000 rifugiati.

L'accoglienza dei 500 profughi è un progetto pilota che si riallaccia alla tradizione umanitaria ed è destinato a individui particolarmente vulnerabili, specifica il DFGP. Per questa ragione, aggiunge, il numero di persone che possono approfittarne deve essere adattato alle possibilità di accoglienza.

Lo scorso settembre il Consiglio federale aveva deciso anche di concedere agevolazioni per i parenti di cittadini siriani residenti in Svizzera, che possono ottenere il visto d'entrata secondo una procedura celere e semplificata.

Alla fine di marzo erano stati rilasciati 3300 visti, i quali hanno già finora permesso a oltre 2500 persone di raggiungere la Confederazione. Inoltre profughi siriani possono ancora ottenere l'ingresso in Svizzera facendo ricorso allo strumento del visto umanitario, rileva il DFGP.

SDA-ATS