Navigation

Asilo:ammissibili le espulsioni verso lo Sri Lanka, TAF

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 novembre 2011 - 12:06
(Keystone-ATS)

I candidati all'asilo srilankesi che si vedono rifiutare la richiesta di accoglienza in Svizzera, possono - a determinate condizioni - essere respinti in patria anche se provengono dalle regioni orientali e settentrionali dello Sri Lanka.

Lo ha stabilito il Tribunale amministrativo federale (TAF), che ha confermato una nuova prassi decisa nello scorso marzo dall'Ufficio federale della migrazione.

Il tribunale è giunto alla conclusione che le condizioni di sicurezza nello Sri Lanka sono notevolmente migliorate dopo la cessazione delle ostilità tra le forze governative e i ribelli separatisti delle Tigri per la Liberazione dell'Eelam Tamil (LTTE), avvenuta nel 2009.

Il TAF, nel caso in esame, era stato chiamato a pronunciarsi sul ricorso di uno srilankese proveniente dal nord dell'isola, giunto in Svizzera nel 2006 e che lo stesso anno aveva ricevuto risposta negativa alla sua richiesta di asilo. Il TAF, modificando la propria giurisprudenza, ha respinto il ricorso giudicando il rimpatrio ammissibile.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?