Navigation

Assange: Amnesty, se estradato in Usa violati diritti umani

In vista dell'udienza alla corte di Westminster per l'estradizione di Julian Assange negli USA, prevista per oggi, Amnesty International ha chiesto che sia negata per rispetto alle norme internazionali sui diritti umani. KEYSTONE/EPA AAP/ERIK ANDERSON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 ottobre 2019 - 08:48
(Keystone-ATS)

In vista dell'udienza alla corte di Westminster per l'estradizione di Julian Assange negli USA, prevista per oggi, Massimo Moratti, vicedirettore per l'Europa di Amnesty International, ha chiesto che sia negata per rispetto alle norme internazionali sui diritti umani.

"Le autorità britanniche devono riconoscere i reali rischi di gravi violazioni dei diritti umani che Julian Assange affronterebbe se inviato negli Stati Uniti - afferma in una nota - e rifiutare la richiesta di estradizione. Il Regno Unito deve rispettare l'impegno già assunto di non permetterne il trasferimento in alcun luogo ove potesse subire torture o altri maltrattamenti".

"Se Julian Assange fosse estradato o sottoposto a qualsiasi altro trasferimento negli Stati Uniti - ha aggiunto -, la Gran Bretagna dovrebbe rispondere della violazione di questi obblighi".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.