Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'assemblea degli azionisti di Credit Suisse ha approvato oggi le retribuzioni destinate ai manager della banca: il CEO uscente Brady Dougan si è congedato facendo autocritica e dicendo che talora avrebbe dovuto mostrare maggiore prudenza.

Il parziale mea culpa si riferisce sia ai momenti congiunturali favorevoli, sia al periodo intervenuto dopo la crisi finanziaria del 2008. Dougan - per lui era l'ultima assemblea - ha detto di aver commesso errori durante gli otto anni trascorsi alla testa dell'istituto, ma di aver comunque fatto il proprio dovere.

"La nostra banca oggi è forte, ben orientata e pronta a collaborare con il futuro direttore generale". Dougan passerà il testimone il primo luglio al franco-ivoriano Tidjane Thiam, 52 anni, attualmente CEO dell'assicuratore britannico Prudential.

Le retribuzioni ai membri della direzione e del consiglio di amministrazione sono state approvate con una maggioranza dei due terzi. L'assemblea ha inoltre concesso il discarico con una percentuale del 94,28 e approvato il versamento di un dividendo di 0,70 franchi per azione.

Il presidente del consiglio di amministrazione Urs Rohner è stato riconfermato con il 96% dei voti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS