Navigation

Assemblea Onu condanna Birmania per abusi su Rohingya

L'ONU condanna la Birmania per gli abusi sui Rohingya KEYSTONE/AP/DAR YASIN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 dicembre 2019 - 09:32
(Keystone-ATS)

L'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che condanna le violazioni dei diritti umani perpetrati dalla Birmania contro la minoranza musulmana dei Rohingya che comprendono arresti arbitrari, tortura, stupro e morti in detenzione.

L'Assemblea invita il governo di quel Paese a combattere qualsiasi forma di incitamento all'odio contro tutte le minoranze. Il documento è stato approvato a Palazzo di Vetro a New York con 134 sì su 193 Paesi rappresentati contro 9 no e 28 astensioni.

La risoluzione si preoccupa anche delle minoranze etniche presenti in altri stati della Birmania: oltre a Rakhine, dove vivono i Rohingya, ma anche Kachin e Shan.

La Birmania non considera i Rohingya una minoranza autoctona e nega loro anche il nome, ma li ritiene dei "migranti illegali", entrati dal vicino Bangladesh. Paese dove oggi in campi profughi vivono circa 700.000 di loro, costretti a lasciare la Birmania negli ultimi tre anni, incalzati da una campagna militare che l'Onu ha condannato come "pulizia etnica".

La Corte penale internazionale dell'Aja dell'Onu, su denuncia del Gambia, ha istruito un'inchiesta per "genocidio" nei confronti della Birmania: accuse alle quali all'Aja ha di recente risposto, negandole, la leader 'de facto' birmana, Aung San Suu Kyi, ex passionaria dei diritti civili ed ex Nobel per la Pace, alla quale la comunità internazionale rimprovera un colpevole silenzio nei confronti delle azioni di militari del suo Paese contro la minoranza musulmana.

Le risoluzioni dell'Assemblea generale Onu non sono vincolanti, ma riflettono generalmente l'opinione diffusa nel mondo. L'ambasciatore birmano all'Onu, Hau Do Suan, ha definito il documento di condanna "un altro classico esempio di 'due pesi e due misure', che applica principi sui diritti umani in modo parziale e discriminatorio" per "esercitare pressione politica non richiesta sulla Birmania".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.