Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il "Centro sinistra - PCS Partito cristiano sociale" è favorevole all'introduzione di minimi salariali: invita quindi ad accogliere alle urne l'iniziativa popolare in questo senso il prossimo 18 maggio. Secondo i delegati del partito, riuniti oggi in assemblea a Berna, un lavoro al 100% deve consentire di sostentare e nutrire una famiglia. No convinto invece all'acquisto dei Gripen e all'iniziativa sui pedofili.

Chiunque lavori a tempo pieno non dovrebbe essere costretto a finire a carico dell'assistenza sociale o vivere nella povertà, indica il partito in una nota diramata al termine dell'incontro.

I delegati hanno espresso parere negativo in merito al fondo per l'acquisto dell'aereo da combattimento svedese: la situazione sul piano della sicurezza in Svizzera e in Europa non giustifica una spesa simile. Contro l'acquisto dei velivoli prodotti da Saab parla anche il fatto che non esista ancora una versione definitiva del Gripen, sottolinea il "Centro sinistra - PCS Partito cristiano sociale".

Neppure l'iniziativa antipedofili di Marche Blanche ottiene il sostegno del partito, secondo cui il testo non rispetta il principio di proporzionalità. La revisione del codice penale, già conclusa, consente già di proteggere l'integrità dei bambini e riprende in grandi linee quanto richiesto dagli iniziativisti, precisa la nota. I delegati hanno infine deciso di sostenere il decreto federale concernente le cure mediche di base.

Il Partito cristiano sociale (PCS), fondato nel 1997, ha mutato il proprio nome in "Centro sinistra - PCS Partito cristiano sociale" nell'ottobre 2013.

SDA-ATS