Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I delegati dell'UDC, riuniti oggi in assemblea, hanno respinto l'iniziativa popolare per una cassa malattia unica e accolto quella sull'IVA "non discriminatoria" nella ristorazione, entrambe in votazione il 28 settembre.

La cassa malattia unica è uno "specchietto per le allodole", ha detto il consigliere nazionale vodese Guy Parmelin. Il testo propone di "statalizzare la sanità, non comporta nessuna garanzia di contenimento dei costi e toglie agli assicurati la scelta della cassa".

La socialista solettese Bea Heim, presentando gli argomenti dei sostenitori, ha spiegato che la cassa unica porrà fine a un sistema ingiusto che ha comportato un continuo aumento dei costi, ma senza riuscire a convincere. L'iniziativa è stata bocciata con ben 354 voti contro 3.

Con 257 voti contro 1 i delegati democentristi si sono invece schierati a favore dell'iniziativa di GastroSuisse "Stop all'IVA discriminatoria nella ristorazione". Il tasso dell'IVA deve essere abbassato al 2,5% come per i take away per il ruolo che la ristorazione svolge nella formazione di apprendisti, per l'impiego e per il turismo, ha detto il consigliere nazionale zurighese Alfred Heer.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS