Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I Verdi liberali, riuniti oggi a Wettingen (AG), hanno detto sì alla diagnostica preimpianto, no alla revisione della legge sulla radiotelevisione, come pure all'iniziativa sulle eredità milionarie e alle borse di studio, temi in votazione il 14 giugno.

Dopo una intensa discussione i delegati hanno accolto la diagnostica preimpianto con 138 sì contro 8 no e 10 astensioni. Vi vedono "uno sviluppo misurato della medicina della procreazione in Svizzera", che affida la responsabilità ai genitori piuttosto che allo Stato, si legge in un comunicato.

I Verdi liberali hanno invece rifiutato - con 101 no contro 29 sì e 14 astensioni - la modifica della legge federale sulla radiotelevisione: secondo loro non diminuirebbe l'elevato costo della burocrazia legata all'incasso del canone e numerose imprese dovrebbero sostenere un onere supplementare.

I delegati hanno pure respinto, con 109 voti contro 17 e 20 astensioni, l'iniziativa "Tassare le eredità milionarie per finanziare la nostra AVS" ritenendo che questa tripla imposizione sul reddito, sul patrimonio e sulla successione è una misura sleale, che mette in pericolo soprattutto la trasmissione delle PMI.

I Verdi liberali hanno detto infine no all'iniziativa sulle borse di studio con 101 voti contro 19 e 12 astensioni. Rifiutano di trasferire la responsabilità per le borse di studio dai Cantoni alla Confederazione e ritengono che la maggior parte dei cantoni abbiano già fatto un passo verso l'armonizzazione approvando il concordato sulle borse di studio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS