Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'assicurazione malattia di base e quella complementare non verranno separate in due entità giuridiche distinte. Dopo gli Stati, anche il Nazionale ha deciso di non entrare in materia su questo progetto voluto dal Consigliere federale Alain Berset.

Berset l'aveva proposto in risposta all'iniziativa sulla cassa malattia unica, bocciata dal popolo lo scorso anno. Il Nazionale ha detto di no con 127 voti a 46 e 3 astenuti.

La revisione proposta dal ministro della sanità mirava ad evitare un travaso di dati sensibili riguardanti gli assicurati in seno ai gruppi assicurativi, molti dei quali offrono entrambe le coperture.

Stando alla maggioranza del Nazionale, tuttavia, non vi è più necessità di intervenire dopo che l'anno scorso il Parlamento ha approvato l'affinamento della compensazione dei rischi nonché la nuova legge sulla vigilanza sull'assicurazione malattie.

Per la sinistra, invece, le leggi adottate negli ultimi anni non escludono un possibile finanziamento trasversale tra l'assicurazione di base, che si basa sul principio della solidarietà, e l'assicurazione complementare, che mira al profitto. Ciò potrebbe essere il caso dei grandi gruppi assicurativi che offrono i due modelli assicurativi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS