Navigation

Assicurazione malattia anche a sans-papier

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 maggio 2012 - 11:39
(Keystone-ATS)

L'assicurazione malattia va estesa, per quanto possibile, anche ai sans-papiers. È quanto afferma il Consiglio federale approvando il rapporto sull'accesso all'assistenza sanitaria da parte di questa categoria di persone. Nessuna modifica legislativa è necessaria.

Il documento, redatto in seguito a un postulato inoltrato da Bea Heim (PS/SO), ricorda che i sans-papiers, essendo residenti in Svizzera, sono già assoggettati all'assicurazione malattia in virtù della LAMal. In realtà, solo una minoranza è però assicurata.

Ciò si spiega con la resistenza degli stessi sans-papiers nei confronti delle autorità e con la loro precarietà finanziaria. A ciò si aggiunge l'atteggiamento degli assicuratori e i limitati mezzi di controllo a disposizione dei Cantoni per garantire l'obbligatorietà assicurativa di queste persone.

Il governo ritiene che il livello di copertura assicurativa dei sans-papiers vada aumentato, non da ultimo per ragioni finanziarie: rinviando le visite mediche fino al momento in cui diventano inevitabili, i sans-papiers necessitano sovente di trattamenti più costosi. Inoltre, se fatture non sono saldate, a farne le spese sono in primo luogo i fornitori di prestazioni, e in seguito - come è spesso il caso - l'ente pubblico.

Il Consiglio federale non ritiene tuttavia necessaria una revisione della LAMal. Per il governo il quadro giuridico attuale è infatti sufficientemente chiaro.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?