Assicurazioni: Swiss Re, con big data perdite ridotte

Dati, dati e ancora dati. KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 11 ottobre 2019 - 11:18
(Keystone-ATS)

L'utilizzo dei big data da parte delle compagnie assicurative consentirebbe una riduzione delle perdite sui portafogli delle imprese assicuratrici fino al 5%. Lo rivela uno studio della compagnia di riassicurazione Swiss Re presentato a Milano.

Entro il 2025 la quantità di dati a disposizione aumenterà del 27%, raggiungendo la stratosferica cifra di 175 zettabytes (10 alla 21 byte). In questo scenario le compagnie stanno modificando i sistemi di calcolo, passando dalle serie storiche a sistemi predittivi, provando ad integrare l'analitica tradizionale con quella avanzata, utilizzando questa enorme quantità di informazione.

Non a caso il 92% delle maggiori imprese assicuratrici ha già avviato almeno un progetto pilota in materia di big data. Attualmente a livello globale la spesa in tecnologie dell'informazione del settore assicurativo è di circa 220 miliardi di dollari, di cui 20 miliardi in analisi dei dati. Una cifra che potrebbe crescere del 13% nei prossimi quattro anni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo