Navigation

Assistenza sociale: il rischio aumenta per gli over 45

Per gli over 45 anni aumenta il rischio di dover dipendere dall'assistenza sociale sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 22 ottobre 2019 - 10:05
(Keystone-ATS)

Chi ha più di 45 anni o è senza qualifiche professionali ha un rischio più elevato di finire in assistenza sociale. Il 54% dei beneficiari infatti non ha una formazione professionale, stando ai dati resi noti dall'Iniziativa delle città per la politica sociale.

L'analisi a lungo termine realizzata in occasione del 20esimo anniversario del monitoraggio mostra che la percentuale di persone che deve ricorrere alle prestazioni è rimasta generalmente stabile. In 8 delle 14 città di riferimento il tasso di assistenza sociale è invariato, mentre in altre 6 è diminuito.

È cambiato invece il rischio di dover dipendere dall'assistenza a seconda della fasce di età e delle caratteristiche socioprofessionali. Per le persone prive di qualifiche professionali è sempre più difficile garantirsi un reddito, e quindi sempre più spesso devono far ricorso alle prestazioni statali per vivere. Nell'ultimo decennio è inoltre sensibilmente cresciuto il tasso di assistenza sociale per i lavoratori cosiddetti anziani: per la fascia di età 46-55 anni è salito dal 4,9 al 5,7%, per i 56-64 anni dal 3,3 al 4,8%. Per contro, per i giovani tra i 18-35 anni è diminuito costantemente nel corso dell'ultimo decennio.

Le città quindi sono favorevoli all'introduzione di una "rendita ponte" per gli ultrasessantenni che non riescono a ritrovare un impiego, come proposto dal Consiglio federale. Si tratta di un passo piccolo, ma è importante perché potrebbe colmare un vuoto nel sistema sociale, precisa un comunicato.

Anche la mozione presentata dal consigliere nazionale solettese Kurt Fluri (PLR), presidente dell'Unione delle città svizzere, va nella giusta direzione. Chiede infatti alla Confederazione di mettere a disposizione 40 milioni di franchi per promuovere le competenze di base e la formazione professionale dei beneficiari di assistenza sociale.

Le 14 città e agglomerazioni monitorate dall'Iniziativa delle città per una politica sociale sono Zurigo, Basilea, Losanna, Berna, Winterthur (ZH), Lucerna, San Gallo, Bienne (BE), Sciaffusa, Coira, Uster (ZH), Zugo, Wädenswil (ZH) e Schlieren (ZH). Non ci sono quindi dati relativi al sud della Alpi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.