Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il primo ministro russo Vladimir Putin ha detto oggi che, in base alle prime informazioni, "probabilmente l'attentato all'aeroporto non ha nulla a che fare con la Cecenia".

Per l'attentato suicida di lunedì all'aeroporto moscovita di Domodedovo, costato la vita ad almeno 35 persone, la matrice caucasica è stata data per certa, ma gli inquirenti sembrano puntare su una pista che porta in Daghestan - un'altra turbolenta repubblica islamica nel sud della Russia - piuttosto che in Cecenia.

Parlando in una conferenza stampa con il premier belga ad interim Yves Leterme, in visita a Mosca, Putin ha poi ribadito che Mosca "non tratterà mai con i terroristi". "Nessun paese rispettabile tratta con i terroristi. Le trattative che abbiamo intavolato all'inizio degli anni 90 ci hanno portato alla prima e poi alla seconda guerra cecena", ha sottolineato l'ex leader del Cremlino.

"Appena noi cominciamo a negoziare con i terroristi, cresce la violenza e di conseguenza cresce il numero di vittime. Nessuno tratta con i terroristi nel mondo, noi però non ci siamo mai dati per vinti, abbiamo negoziato con le forze politiche che cercano una soluzione e anche nel caso della crisi cecena questo dialogo ci ha permesso di trovare una soluzione", ha concluso Putin.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS