Navigation

Aumentano le "scomparse" di richiedenti l'asilo

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 gennaio 2012 - 17:23
(Keystone-ATS)

Stando a un'inchiesta dei quotidiani "Tages-Anzeiger" e "Bund", confermata dall'Ufficio federale della migrazione, sono in aumento coloro che dopo aver presentato domanda d'asilo in Svizzera ed essersela vista negata, finiscono col far perdere le loro tracce. Aumentano anche quanti si ritirano dalla procedura, una volta inoltrata.

Nel solo 2008 sono "scomparse" 1570 persone in attesa di una decisione di primo grado o di un ricorso. Su un totale di 17.496 dossier trattati, ciò rappresenta un tasso del 9%. E in questi ultimi tre anni la proporzione non ha fatto che aumentare: dal 9,5% nel 2009, all'11,7% nel 2010, al 12,8% per i primi undici mesi del 2011. In sostanza, lo scorso anno un richiedente su 8 ha fatto perdere le proprie tracce prima di ricevere una risposta definitiva alla sua domanda.

Il portavoce dell'Ufficio della migrazione, Joachim Gross, ha confermato all'ats questi numeri, aggiungendo che i dati definitivi per il 2011 saranno pubblicati prossimamente.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?