Navigation

Aumentano pernottamenti in gennaio, anche in Ticino

I pernottamenti negli alberghi svizzeri sono cresciuti in gennaio. KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 marzo 2020 - 13:56
(Keystone-ATS)

Lo scorso mese di gennaio i pernottamenti in Svizzera sono cresciuti mediamente del 6,3% a 3,0 milioni. In aumento, del 5,8%, anche il dato ticinese, come si evince dalle cifre pubblicate oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST).

I turisti svizzeri e quelli stranieri si sono divisi equamente i pernottamenti nel settore alberghiero elvetico: le due categorie se ne sono spartiti 1,5 milioni a testa.

L'incremento maggiore si osserva tra gli svizzeri: +7,0%, ovvero 99'000 pernottamenti in più. L'aumento fra gli stranieri si è fermato al 5,7% (+81'000).

Il maggior numero di notti prenotate dai turisti che vengono dall'estero sono da mettere sul conto dei tedeschi (308'875), seguiti da statunitensi (133'336) e britannici (131'899).

In forte crescita i cinesi, con 77'708, oltre 20'000 in più rispetto al 2019, che hanno scavalcato gli italiani. A livello continentale, dopo l'Europa, con 981'501 pernottamenti, si piazza l'Asia (251'977), che stacca l'America (208'610).

Per quanto riguarda le regioni, in Ticino i pernottamenti sono saliti da 59'815 a 63'258 (+5,8%). I Grigioni (681'622) sono il cantone con le strutture più affollate, davanti a Vallese (449'625) e Berna (399'278).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.