Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Tafferugli ai margini della finale di Coppa Svizzera a Berna, disordini da parte di tifosi del Grasshopper dopo la partita al vertice con il Basilea: il tema della sicurezza attorno agli stadi è balzato agli onori della cronaca nelle ultime settimane. Nuovi dati pubblicati dall'Ufficio federale di statistica (UST) confermano ora come la violenza durante le manifestazioni sportive sia aumentata lo scorso anno.

Nel 2013, 258 atti di violenza commessi nelle vicinanze degli impianti sportivi sono stati registrati nella statistica criminale di polizia. Nel 2012 era stati 228. Si tratta di un incremento del 13%. Ne dà notizia oggi il domenicale "SonntagsZeitung", riferendosi a dati pubblicati a metà aprile dall'UST. È la prima volta dal 2011, che la violenza attorno agli stadi aumenta. Nel 2012 si era assistito a una pausa momentanea.

Più violenza nei confronti dei poliziotti

In particolare spicca l'incremento della violenza e delle minacce nei confronti di poliziotti. Se nel 2012 questi ultimi avevano subito 29 attacchi verbali o fisici, lo scorso anno si è registrata una crescita esponenziale (+85%) a 52 casi.

Anche il numero di atti di violenza attorno agli stadi è aumentato: dai 59 casi del 2012 si è passati ad 85 nel 2012. Per "atti di violenza" si intendono schiaffi, pugni e calci.

Nella statistica sono stati presi in esame i reati perpetrati attorno e all'interno degli impianti sportivi (stadi e campi di calcio e piste di disco su ghiaccio) e notificati dalle forze dell'ordine.

Condanne dai vertici della Lega calcio

In un'intervista alla "SonntagsZeitung", il direttore della Associazione svizzera di Football (ASF), Claudius Schäfer, si è detto preoccupato: "Purtroppo queste cifre corrispondono alla percezione che ho della situazione, che va assolutamente condannata".

L'ASF sostiene sanzioni severe nei confronti delle persone che compiono atti di violenza, ha aggiunto Schäfer. Altre misure - quali i divieti di penetrare nel perimetro dello stadio - sono già state attuate. "Facciamo già tutto quanto è in nostro potere".

Nonostante ciò incidenti come quelli capitati nelle ultime settimane non si possono escludere totalmente. "L'ASF e i club non potranno mai impedire che idioti azionino il freno di emergenza o orde di selvaggi si riversino su Berna". Dalla statistica emerge tuttavia almeno un dato positivo: gli atti di violenza all'interno dello stadio sono diminuiti, ha concluso Schäfer.

SDA-ATS