Navigation

Aumento traffico a frontiera con Italia

Con la riapertura unilaterale delle frontiere da parte dell'Italia il traffico in uscita e in entrata è aumentato del 20% (foto d'archivio) KEYSTONE/MARTIN RUETSCHI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 giugno 2020 - 15:58
(Keystone-ATS)

Il primo giorno di apertura unilaterale delle frontiere da parte dell'Italia il traffico in uscita e in entrata è aumentato del 20%.

Lo indica oggi l'Amministrazione federale delle dogane (AFD) correggendo una sua prima stima di ieri sera secondo la quale il traffico al confine non si era intensificato.

Vi sono diverse ragioni all'origine dell'aumento di veicoli in uscita, tra le altre ieri hanno attraversato il confine cittadini svizzeri proprietari di un immobile nella vicina Penisola, ha riferito l'AFD a Keystone-ATS.

In particolare, sono usciti dal canton Ticino molti italiani che hanno il loro domicilio in Svizzera o in Paesi a nord della Svizzera. Nell'arco della giornata solo pochi veicoli con scopi turistici hanno lasciato la Svizzera per dirigersi in Italia, scrive la AFD.

Il più netto aumento del traffico transfrontaliero è stato registrato al valico di Chiasso Brogeda. Tuttavia, il volume complessivo è ancora notevolmente inferiore rispetto a prima della crisi del coronavirus.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.