Navigation

Australia: fumo degli incendi è arrivato in Cile e Argentina

Il fumo degli incendi, che stanno devastando l'Australia, ha viaggiato più di 12.000 chilometri ed è arrivato ieri, ben visibile, nei cieli di Cile e Argentina KEYSTONE/EPA/ROS chs sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 07 gennaio 2020 - 14:45
(Keystone-ATS)

Il fumo degli incendi, che stanno devastando l'Australia, ha viaggiato per più di 12'000 chilometri ed è arrivato ieri, ben visibile, nei cieli di Cile e Argentina, senza però pericoli per la salute dei loro abitanti.

A segnalarlo sono diversi siti di quotidiani locali, come il Clarin e La Tercera.

Il fumo si è visto soprattutto nella zona centrale del Cile, dove una nebbiolina ha coperto il cielo, ed è probabile che permanga in queste condizioni fino a oggi, secondo la Direzione meteorologica cilena. La nube di fumo ha fatto apparire il sole con toni più rossi. Si trova a 6000 metri di altitudine e non dovrebbe scendere in superficie. L'unica conseguenza, al momento, è una riduzione della radiazione ultravioletta, visto che funziona come una sorta di 'tappo'.

Situazione simile anche in Argentina, dove il Servizio meteorologico nazionale ha mostrato su Twitter le immagini dei satelliti in cui si vede che il fumo è stato trasportato da fronti d'aria da ovest verso est. Anche in questo caso l'unica conseguenza è solo un tramonto e un sole un poco più rossastro, senza alcun rischio di danni per la salute.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.