Navigation

Australia, in recessione per la prima volta in quasi 30 anni

Anche a Sydney il coronavirus ha svuotato i centri commerciali. KEYSTONE/AP/Rick Rycroft sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 02 settembre 2020 - 17:00
(Keystone-ATS)

Il prodotto interno lordo (pil) dell'Australia è sceso del 7% nel secondo trimestre, la più forte flessione trimestrale, secondo le cifre pubblicate dall'Australian Bureau of Statistics (Abs).

Ciò significa che l'Australia è caduta in recessione per la prima volta in quasi 30 anni, secondo un rapporto dell'Australian Broadcasting Corporation.

Michael Smedes, responsabile dei conti nazionali dell'Abs, ha attribuito la caduta trimestrale alla pandemia globale e alle relative politiche di contenimento. "Questo è, con un ampio margine, il più grande calo del Pil trimestrale dal 1959", ha detto. Il rapporto dell'Abs mostra anche che, a causa dell'aumento del numero di destinatari e dei pagamenti di sostegno aggiuntivi, le prestazioni di assistenza sociale sono salite al record del 41,6%.

La spesa per i servizi è scesa del 17,6% dopo la diminuzione dei servizi di trasporto, del funzionamento dei veicoli e degli hotel, dei caffè e dei ristoranti. ''Il secondo trimestre ha visto una significativa contrazione della spesa delle famiglie per i servizi, poiché le famiglie hanno modificato il loro comportamento e sono state messe in atto restrizioni per contenere la diffusione del coronavirus", ha detto Smedes.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.