Navigation

Australia: muore altro pompiere, in tutto 26 vittime

La situazione in Australia è critica KEYSTONE/AP/RR sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 08 gennaio 2020 - 15:44
(Keystone-ATS)

Un altro pompiere è deceduto, portando il bilancio complessivo delle vittime per gli incendi in Australia a 26, hanno reso noto le autorità. Da settembre oltre duemila case sono state distrutte e circa 80mila chilometri quadrati sono andati in fumo.

Nel frattempo sono stati emessi nuovi avvisi di evacuazione per gli incendi e l'invito a partire prima che si ripresenti un picco di intensità di calore, previsto tra oggi e venerdì, e con esso il rischio di altri roghi nelle zone più esposte.

Le autorità lanciano un appello e si concentrano sul salvataggio di vite umane, esortando gli abitanti delle aree più minacciate ad ascoltare i messaggi di allarme.

Ci vorranno mesi per risolvere il disastro causato dagli incendi in Australia. Lo dicono le autorità, aggiungendo che questo è per il Paese uno degli anni più caldi mai registrati, con punte di 42 gradi raggiunte a metà dicembre, e che ogni volta che la temperatura è salita è contemporaneamente aumentato il pericolo di incendi mortali.

Il Consiglio delle assicurazioni australiano fa presente che sono già state presentate richieste per un valore di quasi 500 milioni di dollari e che si tratta comunque di una cifra destinata a incrementarsi in modo significativo. Per ora il governo ha stanziato aiuti per 1,4 miliardi di dollari per sostenere un Fondo dedicato alle comunità messe in ginocchio dai roghi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.