Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'opposizione conservatrice guidata da Tony Abbott ha vinto a valanga, come ampiamente previsto, le elezioni federali di oggi in Australia, mettendo fine a sei anni di potere laburista segnati da un'economia fiorente, ma anche da lotte interne che hanno stancato e indispettito molti elettori. E svanisce il sogno di Julian Assange, esule nell'ambasciata dell'Ecuador a Londra, di entrare nel parlamento del suo Paese con il partito di Wikileaks.

Con il conteggio dei voti ancora in corso - ma i dati sembrano ormai consolidati - la coalizione del partito liberale guidato da Abbott, in alleanza con il partito nazionale-agrario, ha incassato circa il 54% del voto nazionale, con un'oscillazione a suo favore del 4,5%, ed è avviata a detenere almeno 90 dei 150 seggi della Camera dei rappresentanti. E ha mantenuto il suo seggio di Melbourne il vice leader dei Verdi Adam Bandt, il primo del suo partito a entrare nella Camera, che è eletta col maggioritario che penalizza i partiti minori.

Il leader laburista Kevin Rudd, che ha mantenuto a fatica il suo seggio di Griffith, nel Queensland, ha ammesso la sconfitta. "Oggi abbiamo combattuto bene con un grande partito laburista. Ora è tempo di unirci come grande nazione australiana", ha detto. Poco dopo ha gridato vittoria davanti ai suoi sostenitori Tony Abbott, 28/o capo di governo del Paese. "Da oggi, dichiaro che l'Australia è sotto una nuova gestione e che si rimette in movimento", ha promesso il leader conservatore.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS