Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

VIENNA - Una ragazzina austriaca di 15 anni è stata condannata ieri dal tribunale penale di Vienna a cinque anni di reclusione per l'omicidio della madre, uccisa nell'aprile scorso con sette pugnalate.
L'imputata, Angelika, aveva accoltellato la madre, Svetlana D. di nazionalità ceca, dopo un litigio il 13 aprile scorso nel loro appartamento nel quinto distretto di Vienna. La sentenza è stata emessa all'unanimità dai giurati. Al momento dell'omicidio la giovane aveva 14 anni. Il limite per la pena previsto per minori era di dieci anni. La sentenza non è ancora passata in giudicato.
Madre e figlia litigavano da anni e già nel novembre 2008 la ragazza aveva annunciato sul suo blog che la voleva ammazzare. Prima dell'omicidio quel giorno c'era stato un acceso diverbio perché la ragazza teneva accesi contemporaneamente il laptop e la televisione. Dopo essere stata picchiata dalla madre, la figlia è andata in cucina a prendere un coltello col quale le ha inferto sette colpi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS