Navigation

Auto nuove non rispettano limiti emissioni CO2

Le auto nuove non rispettano i limiti di emissione per il CO2. KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 febbraio 2020 - 15:00
(Keystone-ATS)

Le automobili nuove importate in Svizzera non rispettano le norme sulle emissioni di CO2. Lo dice un rapporto pubblicato oggi dal Dipartimento federale dell'ambiente (DATEC), secondo cui i valori delle emissioni sono addirittura aumentati nel 2017 e nel 2018.

Le prescrizioni adottate nel 2012 obbligano gli importatori a limitare le emissioni di CO2 a una media di 130 g CO2/km, sull'esempio dell'Unione Europea. Questo valore era vincolante per tutte le vetture nuove dal 2015 fino alla fine del 2019. Dall'inizio di quest'anno, il limite è stato abbassato a 95 g CO2/km.

Dal 2015 al 2019, il valore di riferimento non è mai stato rispettato. È stato superato di 5 grammi nel 2015 e di 4 grammi nel 2016 e nel 2017. Nel 2018, le emissioni hanno raggiunto addirittura i 137,8 g CO2/km, con un incremento del 2,8% rispetto all'anno precedente.

Senza l'influenza dei veicoli elettrici, la media sarebbe stata di 141,6 g CO2/km, secondo il documento destinato alle commissioni competenti del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati. Nel 2018, la quota dei veicoli elettrici a batteria e dei veicoli elettrici ibridi ricaricabili è stata del 3,2%.

L'incremento delle emissioni può essere spiegato, tra l'altro, da una proporzione sempre maggiore di veicoli fuoristrada e SUV e con l'aumento del peso a vuoto dei veicoli. Anche la diminuzione della quota di veicoli a gasolio può aver contribuito a questi risultati.

Secondo il rapporto, il passaggio a partire da settembre 2017 alla nuova procedura di misurazione WLTP, più realistica, ha avuto una certa influenza sulle emissioni di CO2. Le valutazioni hanno dimostrato che le emissioni di CO2 calcolate col nuovo metodo erano superiori del 5-6% rispetto a quelle di un veicolo comparabile misurate col vecchio sistema NCEC.

Nel 2018, ciò ha riguardato circa un quarto dei veicoli di nuova immatricolazione. Quasi la metà degli importatori ha mancato gli obiettivi nel 2018. Il divario era minimo per la maggior parte di loro, ma significativo in alcuni casi. L'importo complessivo delle sanzioni inflitte ammonta a 31,7 milioni di franchi, rispetto ai 12,6 milioni del 2015.

L'efficacia delle prescrizioni sulle emissioni di CO2 è difficile da valutare. Considerato il numero di chilometri percorsi tra il 2012 e il 2018, risulta che le misure adottate siano state efficaci nel frenare l'aumento delle emissioni di CO2 del traffico. Risulta anche che dall'entrata in vigore dei valori di riferimento le emissioni siano diminuite, per poi risalire nel 2017 e nel 2018. Tuttavia, le norme sulle emissioni di CO2 non hanno avuto alcun effetto sulla vendita di automobili, rimaste elevate.

I trasporti sono responsabili di circa un terzo delle emissioni di CO2 della Svizzera. Le automobili sono responsabili di circa due terzi di queste emissioni. Nel 2018 sono state immatricolate 301'000 nuove autovetture. La quota dei veicoli a quattro ruote motrici è cresciuta dal 24,9% nel 2006 al 49,1% nel 2018.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.