Navigation

AutoPostale: bilancio positivo navetta porta a porta

La navetta Kollibri sulle strade di Brugg, nel Canton Argovia. Keystone/Tanja Laeser sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 ottobre 2019 - 14:29
(Keystone-ATS)

Esito positivo per il progetto pilota con la navetta porta a porta "Kollibri" portato avanti nell'ultimo anno da AutoPostale nella regione di Brugg (AG). Unica pecca: il servizio non è redditizio dal punto di vista finanziario.

Quella lanciata esattamente un anno fa nella località argoviese è un'offerta a metà fra un servizio di taxi e i trasporti pubblici: i clienti possono prenotare con un'app un minibus verso una destinazione di loro scelta, ma durante il percorso a bordo possono salire anche altri passeggeri che devono percorrere una tratta analoga.

La fase sperimentale è durata 12 mesi ed è stata condotta da AutoPostale in collaborazione con AMAG, FFS, Canton Argovia e Ufficio federale dei trasporti (UFT). Lo scopo di questa "soluzione innovativa" era di colmare la lacuna esistente sull'ultimo miglio tra trasporto pubblico e taxi.

Cifre alla mano il progetto risulta coronato da successo: l'app "Kollibri" è stata scaricata 5852 volte, 1230 persone ne hanno effettivamente fatto uso e i minibus hanno effettuato complessivamente 8521 corse, circa 25 al giorno, indica oggi AutoPostale in una nota. In media le corse compiute dal minibus erano lunghe 4,2 chilometri, per una durata di circa 10 minuti. Solo una volta su nove al passeggero iniziale si sono aggiunti altri viaggiatori. In media la metà delle corse è stata prenotata alla sera dopo le 19.00. Secondo AutoPostale "l'accettazione da parte dei clienti è stata eccellente".

L'obiettivo del progetto pilota era quello di acquisire esperienze in questo ambito innovativo. AutoPostale sottolinea che malgrado l'ottimo esito sono emersi alcuni punti negativi, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti finanziari: nelle condizioni attuali, non è possibile gestire l'offerta in modo economico da soli. Il progetto pilota è costato infatti 850'000 franchi alla filiale della Posta, a cui si aggiungono le spese sostenute dai partner, che non vengono rivelate. Per continuare a offrire un servizio di questo tipo sarebbe necessario una partecipazione finanziaria di comuni e cantoni.

AutoPostale continuerà a sviluppare il servizio porta a porta: a settembre Eglisau (ZH) ha effettuato una prova "Kollibri" della durata di tre settimane, la regione di Briga-Glis (VS) e il canton Vaud hanno segnalato il loro interesse.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.